Tag Archivio per: vacanze

Un safari in Africa offre l’opportunità di esplorare la bellezza della natura selvaggia e di vedere da vicino la fauna africana. Dalle imponenti mandrie di elefanti alle maestose giraffe e ai predatori come leoni e leopardi, ci sono molte meraviglie da scoprire.

Si sente spesso dire che un safari è un’esperienza da vivere almeno una volta nella vita. Per esaudire questo desiderio, ci si dirige naturalmente verso l’Africa, culla della vita selvaggia.

Dalle ampie pianure dei parchi del Serengeti, Kruger o Etosha ai pendii del Kilimangiaro o del monte Kenya, passando per il deserto del Namib, il delta dell’Okavango o la fitta foresta di Bwindi, il continente africano è ricco di splendidi luoghi da scoprire.

Tante terre mitiche in cui è possibile incontrare le specie animali più affascinanti del pianeta: in testa, ovviamente, i Big Five, e molto altro ancora!

Kenya o Tanzania, Sudafrica o Namibia, Ruanda o Botswana, scegli la tua destinazione ideale.

Ecco alcuni ottimi motivi per regalarsi questa esperienza di viaggio nel Continente principe per gli amanti della natura e delle tradizioni.

Contatto con la natura selvaggia

I safari offrono l’opportunità di immergersi nella bellezza incontaminata della natura selvaggia. Puoi trovarvi e interagire con animali selvatici in un ambiente naturale, fornendo un’esperienza unica e indimenticabile.

Vedere gli animali in via d’estinzione

Un safari in Africa regala l’emozione di poter vedere alcuni degli animali in via di estinzione e, di conseguenza, far nascere l’esigenza, in chi viaggia, di aiutare a proteggerli. Gli animali in via di estinzione in Africa sono numerosi, dalla volpe d’Etiopia, al pangolino, al rinoceronte nero e quello bianco, il gorilla di montagna, il licaone e molti atri.

Osservare la fauna selvatica

Vedere animali in libertà nel loro habitat naturale è un’esperienza molto diversa rispetto a vederli in uno zoo. I safari consentono di osservare comportamenti naturali e interazioni tra gli animali.

Avventura e eccitazione

La suspense e l’emozione di avvistare grandi predatori come leoni o leopardi, o di vedere migliaia di gnu durante la migrazione, aggiungono un elemento di avventura e eccitazione al viaggio.

Cultura locale

Molti safari includono anche interazioni con le comunità locali, offrendo un’opportunità di conoscere la cultura e lo stile di vita delle persone che vivono nelle vicinanze delle riserve.

Consapevolezza ambientale

Partecipare a un safari può aumentare la consapevolezza ambientale e la comprensione della necessità di proteggere la fauna e l’habitat naturali.

Uno degli aspetti più gratificanti del portare i bambini ad un safari è il modo in cui queste esperienze stimolino la loro innata empatia nei confronti della fauna selvatica. Guardare un branco di elefanti che passeggia pacificamente su vaste e brulle pianure sotto un imponente cielo africano può essere un’esperienza che fa riflettere per condividere con i tuoi figli. I tuoi bambini potrebbero, purtroppo, fare parte dell’ultima generazione che potrà raccontare questi spettacoli. Allo stesso tempo, i safari possono essere incredibilmente edificanti quando insieme apprezzerete gli enormi sforzi fatti dagli operatori per proteggere i luoghi selvaggi del Continente, sostenere la fauna selvatica e le comunità locali e garantire che i vostri safari siano sostenibile quanto più possibile.

Relax e pausa dalla routine quotidiana

In un mondo industrializzato e cittadino in cui la vita scorre sempre più veloce, in Africa si ha la possibilità di rallentare e di vivere totalmente immersi nella natura, come forse è difficile da poter fare altrove nel mondo.  Dimentichiamo internet, anche se ormai i campi tendati di alta categoria lo offrono, e ci addormentiamo con il ruggito dei leoni.

Natura e solo natura, non ci saranno auto oltre le nostre, non ci sono rumori esterni che inficiano in qualche maniera l’esperienza di viaggio che ci porta lontani dal nostro modo di vivere quotidiano fiondandoci a tu per tu con gli animali più pericolosi, ed affascinanti, della terra.

Ogni safari è diverso, offrendo un’esperienza unica di avventura, natura, cultura e emozioni che può arricchire la tua vita con ricordi indelebili.

Pianifica con Nashira Viaggi la tua avventura!

Le mete italiane preferite dai vacanzieri per il mese di luglio: al primo posto c’è Roma

L’estate è arrivata e iniziano le ferie e le vacanze. Come ogni anno c’è chi si divide tra i mesi di luglio e agosto per scegliere le mete ideali per trascorrere le vacanze. Come sappiamo la maggior parte delle persone, perché obbligata per le ferie, sceglie il mese di agosto, ma in tantissimi optano per la vacanza a luglio.

A luglio non c’è ancora l’invasione esagerata di turisti e le giornate sono lunghe e assolate. Quest’anno, tuttavia, c’è una nota dolente da affrontare, vale a dire che quella del 2023 è l’estate più cara di sempre.

A quanto pare però questo non rappresenta un problema, infatti in questo mese di luglio c’è stato un incremento delle prenotazioni di alloggi del 33%, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Ma quali sono le mete più desiderate del nostro Paese?

Scopriamolo insieme!

Al decimo posto troviamo la monumentale San Vito Lo Capo, una piccola località balneare della Sicilia nord-occidentale che fa parte della provincia di Trapani. Oltre a essere una meta meravigliosa è anche un ottimo punto di partenza per correre a inebriarsi della bellezza della Riserva Naturale dello Zingaro, una splendida area in cui divertirsi tra paradisiaci percorsi escursionistici e un mare cristallino in cui fare mille bagni per poi rilassarsi in spiaggette da cartolina.

Al nono posto troviamo Riccione, una peculiare realtà dell’Emilia-Romagna in provincia di Rimini. Questo è un luogo iconico che non ha bisogno di troppe presentazioni!

L’ottava posizione è di Reggio Emilia! In questo caso parliamo di una cittadina importantissima per quanto riguarda la storia d’Italia: è lei la Città del Tricolore perché proprio qui, nel 1797, fu adottato il vessillo che divenne poi la nostra bandiera nazionale.

A conquistare il settimo posto è invece Lignano Sabbiadoro, con i suoi ben 8 chilometri di spiaggia dorata di finissima qualità e i tanti servizi disponibili, non sorprende affatto che sia una meta così gettonata.

Sesta posizione per Lampedusa, un’isola della Sicilia che è un vero e proprio paradiso si bellezza e di benessere.

La quinta destinazione più ricercata d’Italia è Capri, un’isola della Campania che è un capolavoro di bellezza.

Al quarto posto c’è invece Gallipoli, incantevole città sulla costa pugliese che fa parte della provincia di Lecce. Anche in questa circostanza il risultato ottenuto non sorprende più di tanto: è senza ombra di dubbio la “Città Bella”, tanto da essere stata al centro delle mire di vari popoli conquistatori nel corso dei secoli.

Medaglia di bronzo, per Jesolo, una delle maggiori spiagge italiane e una delle principali destinazioni turistiche del Belpaese. Situata in provincia di Venezia, regala 15 chilometri di spiaggia dorata e ben 500 chilometri di piste ciclabili. Il posto perfetto per unire una vacanza attiva al più puro relax.

Secondo gradino del podio per Milano, l’affascinante capoluogo lombardo che ha fatto dell’innovazione e della creatività i suoi più grandi punti di forza. Moda, design, gastronomia e industria del divertimento si mescolano a diversi punti di interesse meravigliosi.

Ma il primo posto viene conquistato a sorpresa, dalla nostra magica Capitale: Roma. Un primo posto conquistato a sorpresa, non di certo per le meraviglie che ha da offrire, perché generalmente ci si aspetterebbe ai vertici di queste classifiche una località balneare.

La classifica completa delle mete più amate d’Italia

Roma (Lazio);

Milano (Lombardia);

Jesolo (Veneto);

Gallipoli (Puglia);

Capri (Campania);

Lampedusa (Sicilia);

Lignano Sabbiadoro (Friuli-Venezia Giulia);

Reggio Emilia (Emilia-Romagna);

Riccione (Emilia-Romagna);

San Vito lo Capo (Sicilia);

Alghero (Sardegna);

Napoli (Campania);

Bari (Puglia);

Rimini (Emilia-Romagna);

Favignana (Sicilia);

Lucca (Toscana);

Ponza (Lazio);

Firenze (Toscana);

Bologna (Emilia-Romagna);

Catania (Sicilia);

Gaeta (Lazio);

San Teodoro (Sardegna);

Tropea (Calabria);

Olbia (Sardegna);

Palermo (Sicilia);

Cesenatico (Emilia-Romagna);

Isola del Giglio (Toscana);

Genova (Liguria)

Taormina (Sicilia);

Senigallia (Marche);

Porto Cesareo (Puglia);

Messina (Sicilia);

Caorle (Veneto);

Livigno (Lombardia);

Sorrento (Campania);

Ischia (Campania);

Alassio (Liguria);

Sperlonga (Lazio);

Vieste (Puglia);

San Benedetto del Tronto (Marche).

Non hai ancora prenotato le vacanze estive?

Cosa aspetti, corri in agenzia e prepara le valigie!

 Il Giappone si tinge di rosa per il Sakura, la fioritura di milioni di ciliegi.

Tra la seconda metà di marzo e i primi di maggio, l’intero Giappone si colora di rosa. Non una semplice fioritura, ma un vero e proprio spettacolo della natura e una cura per lo spirito.

La fioritura dei ciliegi, chiamata sakura, è al centro della festa nazionale Shunbun No Hi, che richiama decine di migliaia di visitatori nei parchi e nei punti di osservazione panoramici del paese. Oltre a regalare scenari incantevoli, la fioritura dei ciliegi anima l’intero Giappone con festival e celebrazioni a tema che durano diversi giorni, per festeggiare l’inizio della primavera e la rinascita della natura.

Visitare il paese del Sol Levante in questo periodo è il desiderio di un numero sempre crescente di viaggiatori italiani: secondo un’indagine recente il 96 per cento degli intervistati vorrebbe godersi lo spettacolo dal vivo nel mese di marzo.

Le date della fioritura dei ciliegi in Giappone possono cambiare in base alle condizioni meteorologiche e all’altitudine delle città in cui si trovano. I primi fiori dell’anno si possono vedere al sud del paese, per poi pian piano salire verso nord.

Dove ammirare la fioritura dei ciliegi in Giappone?

Il Giappone è il paradiso dei sakura e potrebbe essere difficile decidere dove vedere questo spettacolo naturale.

Yoshino, Kansai

Yoshino è probabilmente la destinazione per la fioritura dei ciliegi più famosa del Giappone. Ci sono vari sentieri attraverso piccoli villaggi di montagna che conducono alla cima del Monte Yoshino. E una volta in cima, si potranno ammirare migliaia di alberi di ciliegio!

Maruyama-Koen, Kyoto

Ogni anno, alla fine di marzo, il Maruyama-Koen si trasforma in uno dei parchi più affollati di Kyoto. Sia giapponesi che i turisti si recano in questo parco per vedere gli splendidi alberi in fiore e celebrare l’hanami con famigliari e amici.

Parco di Ueno, Tokyo

Tokyo offre tanti posti meravigliosi per vedere i fiori di ciliegio, ma il parco di Ueno è sicuramente uno dei più spettacolari. Questo grande parco ospita 1000 alberi di ciliegio, oltre a santuari, musei e persino uno zoo.

Parco di Matsumae, Hokkaido

Ciò che rende unica questa destinazione è che, a causa della grande varietà di alberi di ciliegio, la stagione della fioritura dura più a lungo. È una destinazione incantevole per vivere l’esperienza dell’hanami!

Kakunodate, Akita

Gli alberi di ciliegio di Kakunodate sono chiamati “yamazakura” e sono caratterizzati dai loro grandi fiori rosa. Per ammirare i sakura in tutta la sua gloria, questa è la destinazione perfetta.

Miharu, Fukushima

Tra tutti gli incantevoli alberi di ciliegio presenti in Giappone, ce n’è uno in particolare che ti lascerà senz’altro il segno: il Miharu Takizakura nella Prefettura di Fukushima. L’albero ha quasi mille anni ed è alto 12 metri. I suoi rami cadono a terra, ricordando una cascata, e creando uno scenario davvero magnifico.

Non vuoi perderti lo spettacolo della fioritura dei ciliegi in Giappone? Pianifica il viaggio con noi!

Non puoi partire per il Giappone?

Dove ammirare lo spettacolo dei ciliegi in fiore in Italia?

  • ROMA, PARCO DEL LAGHETTO DELL’EUR
  • VIGNOLA, EMILIA ROMAGNA, FESTA DEI CILIEGI IN FIORE
  • VILLANOVA SULL’ARDA, PIACENZA, FESTA DEI CILIEGI IN FIORE
  • PEDASO, MARCHE
  • VIA DEI CILIEGI DI SCANDICCI, FIRENZE
  • NOVARA, FIORITURA DEL CILIEGIO DI VIA MARCONI
  • MILANO, VIALE SARCA

Hai sempre sognato di fare un viaggio a New York per festeggiare il Natale?

La Grande Mela nel periodo delle feste si trasforma in un immenso parco giochi, un mondo di colori, luci, caramelle, cioccolato caldo in tazza e momenti indimenticabili. Le festività natalizie rappresentano, dopo l’estate, la prima occasione utile per concedersi una vera e lunga vacanza, soprattutto quando si hanno figli in età scolastica. La Vigilia di Natale, il 24 dicembre, cade di sabato, il 25 è dunque domenica e Santo Stefano lunedì 26 dicembre. Altro weekend per l’ultimo dell’anno che sarà sabato 31 dicembre e domenica 1 gennaio. Di venerdì, infine, l’Epifania, il 6 gennaio, ulteriore occasione per un ponte di vacanze e una gita fuori porta.

Come spendere poco?

Per spendere poco per voli e hotel durante il periodo natalizio è prenotare con largo anticipo. Tenendo conto che molti alberghi offrono la cancellazione gratuita e i voli la possibilità di cambiare data gratis bisognerebbe pianificare il viaggio di Natale per tempo.

Cosa fare durante il periodo natalizio a New York?

Pattinare al Rockfeller Center e cerimonia di accensione dell’albero

 

 

 

 

 

 

Il simbolo più rappresentativo di New York a Natale è l’enorme albero addobbato e pieno di luci eretto in prossimità della più famosa pista di pattinaggio di Manhattan.  Ovviamente al Rockfeller Center può essere il caso di farvi anche una bella pattinata.

I mercatini di natale

 

 

 

 

 

 

New York in questo periodo si accende, e lungo le strade, dalla fine di novembre, prendono vita non solo addobbi e illuminazioni, ma anche numerosi mercatini di natale, luoghi ideali per comprare oggetti artigianali, addobbi e regali per i propri cari. Ecco i principali mercatini natalizi della città:

Artists & Fleas at Chelsea Market

Artists & Fleas Holiday Market

Bank of America Winter Village at Bryant Park

Columbus Circle Holiday Market

Union Square Holiday Market

Tour delle vetrine

 

 

 

 

 

 

Ad arricchire l’atmosfera di New York a Natale sono le vetrine allestite da negozi e grandi magazzini, che si impegnano al massimo per trasformare Manhattan in una sorta di paese delle meraviglie. A impreziosire il tutto è la relativa quiete che si respira per le strade di New York il giorno di Natale, una vera e propria rarità per questa brulicante metropoli.

Nel giro, non mancate di far visita alle incredibili vetrine di:

Barney’s, 660 Madison Avenue at 61st Street

Macy’s, 151 West 34th Street

Lord & Taylor, 424 Fifth Avenue

Sak’s Fifth Avenue, 611 Fifth Avenue

Bloomingdale’s, 59th Street and Lexington Avenue

Bergdorf Goodman, 754 Fifth Avenue

Gli spettacoli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ovviamente anche in questo caso c’è l’imbarazzo della scelta. Oltre agli spettacoli in cartellone a Broadway tutta la stagione, ci sono alcuni eventi concepiti specificamente per l’occasione. Il più rappresentativo è il , il mirabilante show del leggendario Radio City Music Hall, dove si esibiscono le celebri Rockettes e dove può succedere di tutto!

Messa di natale

 

 

 

 

 

 

Il luogo più bello per prendere la messa di Natale è la Cattedrale di San Patrizio, affascinante chiesa gotica sulla 5th Avenue inserita fra i grattacieli newyorchesi. Per sapere gli orari delle funzioni consultate il sito ufficiale.

Cosa aspetti? Fatti coinvolgere dalla magia del Natale, richiedi maggiori informazioni!

tel.3346204342

email.info@nashiraviaggi.it

Il Canada rimuove tutte le restrizioni Covid

Con l’arrivo dell’autunno arrivano anche delle buone notizie, soprattutto per quanto riguarda i viaggi oltreoceano e per visitare uno dei Paesi più affascinanti del Nord America, il Canada.

A partire dal 1° ottobre, infatti, sono state sospese tutte le restrizioni Covid in vigore fino a questo momento e obbligatorie per poter accedere nel territorio canadese.

Cosa cambia dal 1° ottobre?

Via l’obbligo di mascherina per salire sui mezzi pubblici come treni o per volare in aereo, quindi, via anche l’obbligo di quarantena una volta arrivati e quello di sottoporsi al tampone e vaccino per poter visitare il Paese senza incorrere in multe o sanzioni.

Oltre poi alla possibilità di non dover più utilizzare l’app “ArriveCan”, per caricare i documenti sanitari all’ingresso in Canada, che diventerà una procedura facoltativa del viaggiatore.

Un ritorno alla normalità, lento e sofferto. Che passo dopo passo ha portato a questo “via libera” tanto desiderato. Ma che dopo due anni e mezzo dallo scoppio della pandemia dona nuova speranza e voglia di partire in modo più agevole a tutti coloro che, proprio a causa di tutte le più che lecite e giustificate precauzioni del caso, si sono visti togliere la possibilità di entrare e soggiornare in Canada.

Perché visitare il Canada? Quali sono le ragioni che possono spingerti a partire all’esplorazione di questo “paese continente” quasi senza eguali al mondo?

Paesaggio fantastico

 

 

 

 

 

 

La principale caratteristica che il Canada vanta è il proprio paesaggio. Uscendo dalle città, anche di soli pochi chilometri, è possibile incontrare numerosi parchi nazionali dalla rara bellezza. Basta citare il pittoresco lago Louise nel Parco Nazionale del Banff o lIsola di Baffin, a poca distanza dalla Groenlandia.

Migliaia sono i punti turistici e i sentieri escursionistici, ma non solo: ricordiamo l’esistenza delle celebri Cascate del Niagara e del magnifico paesaggio montuoso delle Montagne Rocciose Canadesi.

Collegamenti rapidi

 

 

 

 

 

Con un sistema di trasporti pubblici efficace, il Canada è semplice da visitare. Nonostante non sia un paese economico, il Canada potrà essere visitato senza spendere una fortuna se avrete preparato il viaggio con un discreto anticipo.

Il patrimonio culturale

 

 

 

 

 

 

 

Per decenni le colonie inglesi e francesi si sono contese il territorio canadese, facendo ereditare una cultura ibrida davvero particolare. Non solo: anche l’architettura, che in alcuni luoghi è facilmente riconducibile a quella inglese. Ma anche i complessi museali, che ospitano monumenti ed opere facilmente associabili alla cultura francese. Specialmente in Quebec, dove l’influenza francese è fortemente presente anche nella lingua, parlata dalla gran parte della popolazione.

Richiedi informazioni sul tuo viaggio.
Personale esperto ti fornirà tutte le informazioni necessarie

Telefono: +39 0823 456244
E-Mail: info@nashiraviaggi.it

 

Notizie positive per chi desidera visitare il Giappone: dopo due lunghi anni di stop, anche il Paese del Sol Levante sta progressivamente allentando le restrizioni all’ingresso dei visitatori stranieri.

Se dal 10 giugno la riapertura al turismo era già in atto, dal prossimo 11 ottobre ci saranno ulteriori novità per tornare a viaggiare. Era l’ultima grande meta turistica internazionale ancora preclusa ai turisti o comunque difficile da visitare. Dopo due anni e mezzo di isolamento dovuti al Covid-19, il Giappone riapre le porte ai turisti stranieri.

Ad annunciare la fine di una delle misure più rigide che fin dall’inizio della pandemia hanno contraddistinto la strategia di Tokyo contro il virus è stato il primo ministro Fumio Kishida: “il Giappone allenterà le misure di controllo alle frontiere, oltre a riprendere i viaggi senza visto e i viaggi individuali’’.

Dal 10 giugno, i turisti stranieri, tra cui gli italiani, potevano recarsi nel Paese nipponico soltanto in gruppi organizzati con pacchetti turistici e il visto con l’invito di una dmc locale, con il risultato di un test Pcr effettuato prima della partenza e il certificato di avvenuta vaccinazione con tre dosi.

A partire dall’11 ottobre, invece, non sarà più richiesto un test PCR negativo effettuato entro 72 ore dalla partenza, a condizione che si sia completato il ciclo vaccinale con 3 dosi.

Ma non è tutto: durante una conferenza stampa, il Primo Ministro Kishida ha anche annunciato l’intenzione di spostare il limite degli ingressi giornalieri (che include i cittadini giapponesi di ritorno dall’estero) dagli attuali ventimila a cinquantamila, sempre dal 7 settembre.

Inoltre, presto non sarà più in vigore neppure l’obbligo di essere seguiti da un accompagnatore durante la permanenza in Giappone, rimanendo all’interno di visite guidate; tuttavia, il viaggio dovrà sempre essere organizzato da un tour operator.

I viaggiatori singoli potranno quindi tornare a scoprire il Paese del Sol Levante senza restrizioni, una notizia positiva che apre importanti spiragli di luce verso il sospirato ritorno alla normalità: basti pensare che nel 2019, prima della pandemia, i turisti stranieri erano circa 32 milioni mentre nel 2021 il numero è drasticamente precipitato a circa 246.000.

Rivolgiti alla nostra agenzia e inizia ora la tua avventura in oriente!

3346204342

info@nashiraviaggi.it

La compagnia easyJet sta promuovendo tantissime rotte aeree a prezzi davvero bassissimi. La compagnia aerea easyJet sta promuovendo tantissime rotte aeree a prezzi davvero bassissimi.

Si può andare a Napoli con 12,49 euro (solo andata, naturalmente) o a Milano con 16,99 euro o ancora a Catania con 19,49 euro. E di offerte come queste ce ne sono tantissime.

Chi ha ancora voglia di mare può infatti scegliere una meta del Sud, dove essere abbastanza certi di trovare ancora caldo. Da Napoli, per esempio, si può prendere la Trans vesuviana e arrivare sulla Costiera sorrentina in poco tempo. Da Catania si può arrivare facilmente alla vicina Riviera dei Ciclopi o a Taormina e ai Giardini Naxos o ad altre bellissime spiagge.

Perché andare a Catania?

Catania è senza dubbio una delle città d’arte più belle della Sicilia, meta ogni anno di migliaia di turisti innamorati e affascinati dalla sua architettura, dai suoi panorami mozzafiato, in bilico tra il bianco che ammanta il vulcano fumante e l’azzurro del Mediterraneo, proprio di fronte.

Weekend a Napoli

Napoli, invece, offre un’infinità di cose da fare. Solo nel quartiere di Forcella, in una sola occhiata si possono scorgere tre imperdibili monumenti: la Chiesa del Gesù Nuovo, l’Obelisco dell’Immacolata e il Monastero di Santa Chiara.

Tra i luoghi irrinunciabili troviamo il Palazzo Reale dalla lunga facciata e un’opera suggestiva, conosciuta in tutto il mondo, da vedere almeno una volta nella vita, è sicuramente il Cristo Velato, all’interno della Cappella di San Severo. E poi c’è la Cappella che contiene il tesoro di San Gennaro, tra le meraviglie ebanistiche della tradizione napoletana.

Milano, capitale italiana del design e moda

Milano, di recente definita la Capitale culturale d’Italia. Ogni giorno sono decine gli eventi, le inaugurazioni e gli happening socioculturali che si tengono nel Capoluogo lombardo. Proprio in questi giorni è stato inaugurato l’ennesimo museo, la Fondazione Luigi Rovati che raccoglie un’importante collezione di reperti etruschi ma anche opere d’arte contemporanea. Ma Milano è anche la Capitale italiana del design e della moda. E poi lo è anche dell’intrattenimento con i suoi concerti, gli spettacoli teatrali e le manifestazioni che regolarmente si tengono in città.

Pianifica un viaggio last minute con noi!

Richiedi un preventivo senza impegno

Personale esperto ti fornirà tutte le informazioni necessarie

Telefono: +39 0823 456244

E-Mail: info@nashiraviaggi.it

Organizzare le vacanze a settembre significa godersi il meglio dell’estate, ma risparmiando ed evitando la folla.

Le vacanze a settembre sono sempre più ambite dai viaggiatori alla ricerca di nuove mete da scoprire: fa meno caldo, c’è meno affollamento e i costi sono inferiori.

Ma dove fare vacanze a settembre per risparmiare in Europa?

Vacanze a settembre all’estero – Andalusia

Impossibile da visitare in luglio e agosto a causa delle alte temperature, la regione più meridionale della Spagna è invece perfetta per un viaggio autunnale. Che cosa vedere? La meravigliosa Siviglia, con l’immensa Plaza de Espana e il palazzo reale, l’Alhambra di Granada e Cordoba con le sue moschee.

Vacanze a settembre all’estero – Budapest

In bassa stagione la capitale ungherese è particolarmente economica! Va anche ricordato che in questo mese Budapest ospita numerosi festival, come il Budafok Champagne and Wine Festival e il Budapest International Wine Festival, il Jazz Forum Budapest, il Festival del Cioccolato e delle Caramelle, il Festival Ebraico e la Corsa Ippica Nazionale.

Vacanze a settembre all’estero – Porto in Portogallo

Settembre è uno dei mesi migliori per visitare Porto, nel Nord del Portogallo. I suoi saliscendi ti conquisteranno al primo sguardo e metteranno alla prova le tue doti atletiche. Non è una città molto grande, ma proprio il suo caratteristico territorio fatto di salite e discese rende più complesso girare Porto. Il quartiere della Ribeira, da dove ammirare l’incredibile scenario delle barche che passano sotto il Ponte Dom Luis I, è il più pittoresco della città.

La Cattedrale di Porto è il simbolo spirituale della città che risale al XII secolo e che vanta un suggestivo belvedere. São Bento, la stazione principale di Porto, non è semplicemente una stazione di passaggio ma una vera attrazione da visitare.

Vacanze a settembre all’estero – Malta

Meta estiva per eccellenza, Malta offre ovviamente il meglio di sé quando non è presa d’assalto dai turisti. Settembre è un ottimo mese per visitare l’incredibile arcipelago nel cuore del Mediterraneo. L’antica capitale Mdina, Mosta, la città invincibile di Senglea e Valletta, patrimonio Unesco insieme ai templi megalitici di Gozo e all’Ipogeo di Hal Saflieni, sono tappe d’obbligo durante una vacanza a Malta. Proprio a Gozo non mancano meravigliose baie, scogliere e caverne nelle quali immergersi, come quella nella zona di Xlendi dove sono anche conservate tombe puniche efortezze dei pirati.

Dove fare vacanze a settembre per risparmiare in Italia?

Vacanze a settembre in Italia – Lago di Tenno

Impossibile resistere al fascino di questo lago color turchese che si trova nel comune di Tenno, a nord del Lago di Garda, nei pressi del Canale di Tenno. Incastonato ai piedi del Monte Misone, a 570 metri d’altezza, è un’ottima meta per chi ama la montagna e il trekking.

Vacanze a settembre in Italia – Trieste

Per le vacanze in settembre di chi vuole unire mare e cultura, la meta ideale è Trieste, città di confine tutta da scoprire. Una città ricca di suggestioni del suo passato, dove ancora si respira quell’atmosfera rarefatta che l’ha resa famosa.

Vacanze a settembre in Italia – Rodi Garganico

Temperature piacevolissime, mare caldo, spiagge meno affollate e strade poco trafficate sono i vantaggi di visitare la Puglia a settembre. Rodi Garganico è la meta che vogliamo proporvi. Nel cuore del Parco Nazionale del Gargano, questa località vanta bellissime spiagge di Levante e di Ponente, oltre ad essere punto di partenza privilegiato per visitare le Isole Tremiti. La meta balneare ospita molte strutture ricettive e un’offerta dei migliori servizi per i turisti che ricercano comfort e relax, ma anche avventura e divertimento. Il Santuario della Madonna della Libera e il Convento dei Cappuccini lungo la strada per San Giovanni Rotondo sono i due simboli spirituali, storici, architettonici e culturali di Rodi Garganico. Il centro storico è un suggestivo borgo marinaro.

Vacanze a settembre in Italia – Ancora

Ancona, nelle Marche, offre meravigliosi litorali e importanti attrattive naturalistiche. il Passetto, un parco a picco sul mare con grandi scogli bianchi, al calar del sole si trasforma nel cuore pulsante della movida giovanile. Alle pendici del Monte Conero, il Golfo di Ancona è uno scenario davvero suggestivo. Lungo il litorale di Ancona si alternano spiagge di diversa natura: spiagge rocciose verso Sud come quella di Mezzavalle, Portonovo anche Bandiera Blu.

Pianifica con noi la tua vacanza a settembre, contattaci

Richiedi un preventivo senza impegno
Personale esperto ti fornirà tutte le informazioni necessarie

Telefono: +39 0823 456244
E-Mail: info@nashiraviaggi.it

Italiani sempre più attenti alla sostenibilità anche in vacanza

Gli italiani preferiscono vacanze eco-sostenibili: circa l’86% degli italiani è attento al tema. È quanto risulta da una recente ricerca, che ha coinvolto un campione di uomini e donne sparsi in tutta Italia di età compresa tra i 18 e i 65 anni.

Sostenibilità, i dati

Nel dettaglio, il 46% preferisce alloggiare in strutture con certificazione di sostenibilità ambientale, mentre il 43% raccoglie e smaltisce correttamente i rifiuti che trova dispersi nell’ambiente. In più, il 41% evita prodotti usa e getta preferendo, quelli riutilizzabili, come la borraccia.

La preoccupazione per le sorti del Pianeta è sempre presente: la paura per il cambiamento climatico è molto alta e tocca il 93% degli intervistati. Tra i fattori di preoccupazione figurano anche la contaminazione dell’acqua (90% del campione), la perdita della biodiversità (96%), gli eventi metereologici estremi e i disastri naturali (91%), l’inaridimento dei suoli (90%) e le microplastiche (92%).

In generale, il 50% degli intervistati ha affermato che, in vacanza, fa più attenzione a scegliere alternative sostenibili rispetto a cinque anni fa. Questo incide soprattutto nella scelta della meta: più dell’88% del campione ha deciso di trascorrere le vacanze in Italia (il 23,1% nella regione di residenza).

Solo il 28% non si fa cambiare gli asciugamani tutti i giorni in hotel (eppure molte strutture avvisano della possibilità di tenerli più di un giorno) e il 14% ammette di essere meno attento all’ambiente in vacanza.

È contenuta anche l’attenzione verso prodotti cosmetici ecofriendly, come le creme solari che non inquinano i mari e non danneggiano i coralli (18% del gruppo analizzato). Inoltre, un italiano su due (51%) non raccoglie sabbia, rocce o vegetali locali per portarli a casa come souvenir, abitudine ancora radicata.

Addirittura, il 14% degli intervistati ammette di tenere comportamenti meno ecosostenibili in vacanza rispetto alla quotidianità della vita lavorativa. Come se uno stile di vita ecologico non fosse “rilassante” o percepito come tale.

Sostenibilità e mezzi di trasporto

Forse a causa di ritardi o disservizi, il 73% degli italiani sceglie l’auto per andare in vacanza, seguita da aereo (23%) e treno (14%). Solo il 2,8% si affida a servizi di mobilità in condivisione, come car sharing o pooling. Ma la situazione cambia drasticamente arrivati a destinazione, dove il 75% sceglie di muoversi a piedi (57%) o in bici (18,5%).

Scegli una vacanza ecosostenibile, contattaci!

Richiedi un preventivo senza impegno
Personale esperto ti fornirà tutte le informazioni necessarie

Telefono: +39 0823 456244
E-Mail: info@nashiraviaggi.it

 

Mare o in montagna? È la domanda più ricorrente quando si devono progettare le vacanze. C’è chi ama il mare e non rinuncerebbe mai ad una o due settimane tra sole, bagni e canicola. C’è invece chi riesce a rilassarsi davvero solo tra sentieri boschivi, alberi e aria fresca.

Non sai se scegliere mare o montagna per la tua vacanza? Ti aiutiamo noi!

PERCHÉ SCEGLIERE LA MONTAGNA:

  1. ARIA PULITA E FRESCA – Chi va in vacanza in montagna ama l’aria caratteristica di questi luoghi non solo più pulita ma anche più fresca e meno umida man mano che si salga di quota. L’aria di montagna tra l’altro fa molto bene anche ai bambini, a chi è anemico o a chi soffre di pressione bassa.
  2. CONTATTO CON LA NATURA – Un’occasione unica per riavvicinarsi alla natura soprattutto se nel resto dell’anno si vive in città: cielo azzurro, prati verdi, fiori, boschi, sorgenti, laghi e tanto altro.
  3. VIA LO STRESS – A differenza del mare che generalmente è un “eccitante” per il nostro organismo, la montagna al contrario permette di godere di più tranquillità rispetto alla maggior parte delle affollate e rumorose località balneari.
  4. PIÙ SPORT – La montagna è il luogo ideale dove dedicarsi alle attività sportive che più si preferiscono. Da delle semplici passeggiate o trekking più o meno faticosi e impegnativi, a gite in bicicletta o a cavallo, all’arrampicata su roccia oppure, approfittando dei centri sportivi di cui dispongono le maggiori località di montagna, giocare a tennis, nuotare in piscina, ecc. Le attività all’aria aperta sono le più consigliate anche per fare il pieno di vitamina D grazie al sole.

PERCHÈ SCEGLIERE IL MARE:

  1. SOLE – Non c’è posto migliore del mare dove prendere il sole: fa bene alla salute delle nostre ossa e del sistema immunitario ed è anche un ottimo antidepressivo naturale, basta farlo con moderazione! Una giusta esposizione al sole permette al nostro organismo di produrre una buona quantità di vitamina D, oltre endorfine e serotonina.
  2. ARIA – L’aria di mare può essere considerata un vero e proprio aerosol naturale in grado di migliorare alcuni problemi come asma ed allergie. Tra l’altro attraverso la respirazione il nostro organismo riesce ad assumere molti sali minerali di indiscutibile importanza come magnesio, potassio, sodio e zinco.
  3. ALIMENTAZIONE – Solitamente al mare si tende ad avere un’alimentazione più ricca di frutta e verdura. Grazie al caldo, infatti, si sente maggiormente l’esigenza di idratarsi non solo bevendo più acqua del solito ma anche prediligendo alimenti freschi e sani come appunto frutta e verdura di stagione.
  4. PASSEGGIATE – Camminare sul bagnasciuga a piedi nudi è uno dei regali più grandi che si possa fare al proprio corpo. Il contatto con la terra è benefico e il piede in questo modo gode di un vero e proprio massaggio che si riflette di conseguenza su tutto l’organismo.

Cosa scegliete per le vostre vacanze? Mare o montagna?

Richiedi un preventivo senza impegno

Telefono: +39 0823 456244
E-Mail: info@nashiraviaggi.it