Articoli

Dal 12 novembre all’8 gennaio torna il Natale a Disneyland Paris e con esso, come sempre, le novità che accoglieranno i visitatori sono tantissime, fin dall’ingresso del parco.

Scopriamo insieme quali!

La stagione di Natale a Disneyland Paris è il periodo più magico dell’anno, durante il quale si aggiunge ancora più magia alla solita atmosfera che si respira nei Parchi Disney.

Le novità di Natale a Disneyland Paris

Quest’anno, in occasione del 30° anniversario, oltre alla coreografia di droni Disney D-Light appositamente progettati per le nuove celebrazioni e che illuminano ogni sera i cieli di Disneyland Paris, i visitatori potranno godere del grande ritorno di Disney Dreams®!

Questo spettacolo serale di culto torna più bello che mai nell’ambito dei festeggiamenti per il 30° anniversario, combinando fuochi d’artificio, proiezioni, giochi di fontane e musica natalizia con Classici dei Walt Disney Animation Studios come Frozen – Il Regno di Ghiaccio, La Bella e La Bestia, il Gobbo di Notre-Dame e film dei Pixar Animation Studios come Toy Story e Ribelle – The Brave, ma anche indimenticabili avventure come Mary Poppins.

Decorazioni natalizie a Disneyland Paris

Le decorazioni di Natale a Disneyland Paris saranno principalmente presenti nel Parco Disneyland nella zona di Main Street U.S.A.: ci sarà un albero di Natale di 24 metri all’ingresso del Parco, che ti darà il benvenuto. Più di 11.000 decorazioni di Natale e 10 km di ghirlande appese decoreranno entrambi i Parchi Disney, fiocchi di neve cadranno a ritmo di musica su Main Street U.S.A. rendendo ancora più magica l’atmosfera. Quest’anno saranno addobbati anche gli Hotel Disney!

Parata di Natale a Disneyland Paris

La Mickey’s Dazzling Christmas Parade è una nuova parata inaugurata lo scorso anno, che verrà riproposta anche quest’anno. Carri stupendi, insieme a tanti Personaggi Disney vestiti a tema Natale, sfileranno nel Parco Disneyland. Ci sarà anche Babbo Natale! Questa parata è meravigliosa anche perché è disponibile in due versioni: la versione diurna che sfila durante il pomeriggio e quella serale, durante la quale viene anche acceso l’albero di Natale e tutti i carri sono illuminati.

Prelibatezze natalizie a Disneyland Paris

Durante la stagione di Natale a Disneyland Paris si potrà sperimentare la magia del Natale anche attraverso un’ampia varietà di piatti e prelibatezze natalizie, all’interno dei Parchi e degli hotel Disney.

Vivi la fantastica atmosfera del Magico Natale Disney a Disneyland Paris.

Prenota un soggiorno da sogno dal 24 al 26 Novembre, a partire da 659€!

Cancellazione o modifiche fino a 7 giorni prima (si applicano termini e condizioni).

Vieni in agenzia per tutti i dettagli!

3346204342 / info@nashiraviaggi.it

L’estate 2022 è stata molto bella?  Avete viaggiato, vi siete ritagliati del tempo per voi stessi andando ad ammirare paesaggi nuovi vicini e/o lontani, avete fatto nuove esperienze e conosciuto nuove persone? È ora di tornare alla realtà: è Settembre e l’estate sta finendo.

L’arrivo del mese di settembre, per molti, significa salutare le tanto attese vacanze per tornare alla vita lavorativa quotidiana: uno dei momenti più difficili dell’anno per ciascuno di noi, tanto che gli studiosi hanno individuato una particolare sindrome da rientro dalle vacanze, caratterizzata da sintomi quali ansia, insonnia, stanchezza, sbalzi d’umore, difficoltà di concentrazione e sensazione di malessere fisico.

Cosa fare per sopravvivere alla fine dell’estate?

Ritagliarsi del tempo

Uno stacco troppo netto fra la vacanza e il rientro a lavoro o semplicemente nella routine quotidiana potrebbe essere traumatico. Cercate dunque di trovare del tempo per continuare a rilassarvi nel fine settimana o in base ai turni di lavoro.  Il periodo è ideale per pensare a gite fuori porta di breve durata ad esempio, oppure a dedicarsi qualche ora alla SPA per esempio.

Apprezzare la quotidianità

Ritrovare le proprie abitudini di sempre, dopo essere stati lontani da casa, può risultare più piacevole del previsto. Nessun posto potrà mai essere comodo e su misura per voi come casa vostra. Pensate a questo e apprezzatelo.

Nuovi obiettivi

Ogni anno porta con sé delle novità, dunque aiutatevi a riordinare le idee sui vostri progetti futuri, fissatevi degli obiettivi e portateli a termine.

Trascorrere del tempo all’aria aperta

La transizione dal passare tutto il giorno al mare al passarlo chiusi in casa è piuttosto deprimente. Per evitare di cadere vittime di sentimenti negativi allora cercate di passare quanto più tempo possibile all’aria aperta. Svariati studi hanno dimostrato che quando le persone trascorrono del tempo nella natura, il loro umore migliora e i livelli di stress diminuiscono. E anche la loro salute fisica migliora. Inserite nella vostra routine, brevi passeggiate regolari nel verde:  potrebbero avere lo stesso effetto calmante e ristoratore di una buona vacanza.

Programmare il prossimo viaggio

Non solo viaggiare, ma anche il solo progettare una vacanza rende davvero felici. Che sia un breve soggiorno o una vacanza più lunga, avere già pianificato il prossimo momento in cui staccare nuovamente la spina vi aiuterà a rientrare al lavoro con la mente più serena.

Non importa come, quando, in che modo…tu inizia a organizzarlo!

Contattaci e pianifica insieme a noi il tuo prossimo viaggio!

Personale esperto ti fornirà tutte le informazioni necessarie

Telefono: +39 0823 456244
E-Mail: info@nashiraviaggi.it

Organizzare le vacanze a settembre significa godersi il meglio dell’estate, ma risparmiando ed evitando la folla.

Le vacanze a settembre sono sempre più ambite dai viaggiatori alla ricerca di nuove mete da scoprire: fa meno caldo, c’è meno affollamento e i costi sono inferiori.

Ma dove fare vacanze a settembre per risparmiare in Europa?

Vacanze a settembre all’estero – Andalusia

Impossibile da visitare in luglio e agosto a causa delle alte temperature, la regione più meridionale della Spagna è invece perfetta per un viaggio autunnale. Che cosa vedere? La meravigliosa Siviglia, con l’immensa Plaza de Espana e il palazzo reale, l’Alhambra di Granada e Cordoba con le sue moschee.

Vacanze a settembre all’estero – Budapest

In bassa stagione la capitale ungherese è particolarmente economica! Va anche ricordato che in questo mese Budapest ospita numerosi festival, come il Budafok Champagne and Wine Festival e il Budapest International Wine Festival, il Jazz Forum Budapest, il Festival del Cioccolato e delle Caramelle, il Festival Ebraico e la Corsa Ippica Nazionale.

Vacanze a settembre all’estero – Porto in Portogallo

Settembre è uno dei mesi migliori per visitare Porto, nel Nord del Portogallo. I suoi saliscendi ti conquisteranno al primo sguardo e metteranno alla prova le tue doti atletiche. Non è una città molto grande, ma proprio il suo caratteristico territorio fatto di salite e discese rende più complesso girare Porto. Il quartiere della Ribeira, da dove ammirare l’incredibile scenario delle barche che passano sotto il Ponte Dom Luis I, è il più pittoresco della città.

La Cattedrale di Porto è il simbolo spirituale della città che risale al XII secolo e che vanta un suggestivo belvedere. São Bento, la stazione principale di Porto, non è semplicemente una stazione di passaggio ma una vera attrazione da visitare.

Vacanze a settembre all’estero – Malta

Meta estiva per eccellenza, Malta offre ovviamente il meglio di sé quando non è presa d’assalto dai turisti. Settembre è un ottimo mese per visitare l’incredibile arcipelago nel cuore del Mediterraneo. L’antica capitale Mdina, Mosta, la città invincibile di Senglea e Valletta, patrimonio Unesco insieme ai templi megalitici di Gozo e all’Ipogeo di Hal Saflieni, sono tappe d’obbligo durante una vacanza a Malta. Proprio a Gozo non mancano meravigliose baie, scogliere e caverne nelle quali immergersi, come quella nella zona di Xlendi dove sono anche conservate tombe puniche efortezze dei pirati.

Dove fare vacanze a settembre per risparmiare in Italia?

Vacanze a settembre in Italia – Lago di Tenno

Impossibile resistere al fascino di questo lago color turchese che si trova nel comune di Tenno, a nord del Lago di Garda, nei pressi del Canale di Tenno. Incastonato ai piedi del Monte Misone, a 570 metri d’altezza, è un’ottima meta per chi ama la montagna e il trekking.

Vacanze a settembre in Italia – Trieste

Per le vacanze in settembre di chi vuole unire mare e cultura, la meta ideale è Trieste, città di confine tutta da scoprire. Una città ricca di suggestioni del suo passato, dove ancora si respira quell’atmosfera rarefatta che l’ha resa famosa.

Vacanze a settembre in Italia – Rodi Garganico

Temperature piacevolissime, mare caldo, spiagge meno affollate e strade poco trafficate sono i vantaggi di visitare la Puglia a settembre. Rodi Garganico è la meta che vogliamo proporvi. Nel cuore del Parco Nazionale del Gargano, questa località vanta bellissime spiagge di Levante e di Ponente, oltre ad essere punto di partenza privilegiato per visitare le Isole Tremiti. La meta balneare ospita molte strutture ricettive e un’offerta dei migliori servizi per i turisti che ricercano comfort e relax, ma anche avventura e divertimento. Il Santuario della Madonna della Libera e il Convento dei Cappuccini lungo la strada per San Giovanni Rotondo sono i due simboli spirituali, storici, architettonici e culturali di Rodi Garganico. Il centro storico è un suggestivo borgo marinaro.

Vacanze a settembre in Italia – Ancora

Ancona, nelle Marche, offre meravigliosi litorali e importanti attrattive naturalistiche. il Passetto, un parco a picco sul mare con grandi scogli bianchi, al calar del sole si trasforma nel cuore pulsante della movida giovanile. Alle pendici del Monte Conero, il Golfo di Ancona è uno scenario davvero suggestivo. Lungo il litorale di Ancona si alternano spiagge di diversa natura: spiagge rocciose verso Sud come quella di Mezzavalle, Portonovo anche Bandiera Blu.

Pianifica con noi la tua vacanza a settembre, contattaci

Richiedi un preventivo senza impegno
Personale esperto ti fornirà tutte le informazioni necessarie

Telefono: +39 0823 456244
E-Mail: info@nashiraviaggi.it

Il viaggio di nozze, l’esperienza che coronerà il tuo sogno e ti regalerà settimane di relax e divertimento in un paradiso tropicale.

Proprio perché il viaggio di nozze è uno step molto importante, è fondamentale che tutto sia predisposto e coordinato nel migliore dei modi per non dover pesare sugli sposi che hanno già mille pensieri per la testa.

Il Matrimonio, in fondo, fa quasi sempre rima con regali (tanti regali). Per non ricevere 200 vasi, oggettistica inutile o di dubbio gusto, si usa fare la famosa lista di nozze, che negli ultimi anni è molto cambiata. Se in passato la lista nozze serviva a completare l’arredamento della propria casa, adesso i tempi sono decisamente cambiati: di conseguenza si opta spesso per una collaborazione con l’agenzia viaggi, con lo scopo di chiedere ad ogni invitato un contributo per la realizzazione della propria luna di miele da sogno

Che cos’è la lista nozze in agenzia viaggi?

Procediamo per gradi e iniziamo con lo spiegare che cos’è la lista nozze. La lista nozze è un “luogo virtuale” creato appositamente per far incontrare sposi e invitati e fornire loro informazioni utili riguardo:

-Sposi

Viaggio di Nozze

-Regalo di Nozze

-Location del Matrimonio

-Informazioni Varie

Perché è utile la lista nozze?

Un’altra domanda che tutti gli sposi si pongono è perché si fa la lista nozze? Semplice, si racchiudono tutte le informazioni utili in un unico sito e si inserisce l’indirizzo nelle partecipazioni. Così facendo, gli invitati, troveranno tutte le risposte alle loro domande in un unico luogo e tu non dovrai perdere intere giornate a dare a tutti le stesse informazioni e potrai dedicarti ai dettagli più importanti.

Come funziona la lista nozze in agenzia viaggi?

Per aprire una lista nozze in agenzia viaggi dovete semplicemente recarvi presso l’agenzia di vostra fiducia, muniti di idee ed entusiasmo. Se avete già una meta preferita, l’agenzia vi proporrà un viaggio già tutto organizzato e suddiviso in differenti quote: ad ogni quota verrà associato un momento particolare del viaggio. Ad esempio, desiderate trascorrere la vostra luna di miele a Parigi? In questo caso, le quote del vostro viaggio potrebbero comprendere una gita alla Torre Eiffel, una cena a base di ostriche presso un rinomato ristorante, una gita fuori porta verso i paesi più vicini e così via.

Cosa dovrà fare ogni invitato? Semplice, dovrà recarsi in agenzia e comprare una quota (dalla somma fissa) per il vostro viaggio. Ed ogni quota acquistata vi permetterà di vivere qualche esperienza in più presso il luogo prescelto.

Potrai scegliere se inserire tappa per tappa tutto il viaggio oppure semplicemente un itinerario di massima o solamente le destinazioni principali, insomma massima libertà.

Scegli il viaggio dei tuoi sogni e gestisci la tua lista nozze con Nashira!

Penseremo noi a preparare il tutto seguendo le tue indicazioni.

Con il nostro software gestionale accedi alla lista nozze, controlli lo stato della lista, i regali e i messaggi ricevuti.

Richiedi un preventivo senza impegno
Personale esperto ti fornirà tutte le informazioni necessarie

Telefono: +39 0823 456244
E-Mail: info@nashiraviaggi.it

Regalare un viaggio è sicuramente un modo originale per dimostrare l’affetto verso una persona..

C’è chi sceglie oggetti costosi per fare un regalo, magari uno smartphone nuovo o un paio di scarpe o un gioiello.  Non c’è niente di male, ma il regalo più importante che si possa fare è quasi sempre un’esperienza. Perché gli oggetti possono riempire le case ma non il cuore.

Ci sono tante esperienze che si possono regalare, ma la più intensa è quasi sicuramente il viaggio.

Perché?

1.Gli oggetti passano, i ricordi restano

Non c’è niente di meglio di un viaggio per generare ricordi speciali.

Un oggetto, qualsiasi esso sia, da una soddisfazione momentanea. Il viaggio non dura solamente il week end o l’arco di tempo prenotato, ma lascerà per sempre un ricordo dei luoghi visitati. Quando si guarderà indietro, si avranno ricordi intensi e preziosi. Quelli non si possono comprare, ma solo crearli attraverso un’esistenza felice.

2.Scegliere di essere e non apparire

La felicità è una questione di essere, non di apparire.

Uno dei motivi principali per cui acquistiamo oggetti è per ostentarli. Li vogliamo mostrare a tutti, per far vedere quanto possediamo e apparire come persone di successo e realizzate. La felicità, però, non si trova nell’ostentazione: si trova quando si è nel posto giusto, con le persone giuste e in pace con sé stessi. Nessun oggetto può farci sentire così. Con un viaggio ci si ritrova in mezzo a persone e luoghi meravigliosi.

3.Non ci sarà mai un regalo uguale

Per non cadere nel banale, la parola d’ordine è: stupire.

Quale altro regalo è meglio di un viaggio per lasciare a bocca aperta qualcuno? Un’alternativa apprezzata per sostituire i soliti regali. Inoltre, non c’è il rischio di regalare qualcosa che si possiede già. Anche se la persona è già stata in quel luogo, questo viaggio porterà nuove scoperte ed esperienze.

Se stai cercando un regalo di compleanno per lui, per lei, per un’amica, per un parente… punta su un viaggio! Regali particolari e unici, che non rischiano di cadere nel dimenticatoio o di essere banali.

Qualsiasi evento sia, Nashira è con te

Israele riparte con i viaggi organizzati il 19 settembre

Israele sta per riprendere il programma turistico per i piccoli gruppi organizzati: infatti, a partire dal 19 settembre, i gruppi turistici organizzati di 5-30 persone, potranno tornare a visitare Israele purché provenienti dai Paesi appartenenti alle fasce verde, gialle e arancione.

Ma quali sono le regole?

I viaggiatori dovranno disporre della certificazione che attesta la somministrazione della seconda dose del vaccino negli ultimi sei mesi o di aver ricevuto la terza dose.

Inoltre, chi viaggia dovrà presentare un test PCR negativo, effettuato fino a un massimo di 72 ore prima dell’arrivo e sarà sottoposto a un PCR e un test sierologico all’aeroporto di Ben Gurion.

Una volta ricevuti i risultati del PCR e del test sierologico, i turisti potranno muoversi liberamente all’interno del Paese.

Questo programma, avviato a maggio 2021, ha lo scopo di fornire un’opzione di viaggio sicura e controllata: oltre 2.000 turisti arrivati in Israele, principalmente dagli Stati Uniti e dall’Europa, senza alcun caso di Covid presente.

Cosa succede al rientro in Italia?

La normativa attuale (valida vino al 25 ottobre 2021) consente di spostarsi in Israele anche per turismo. Tuttavia, la normativa prevede che all’ingresso in Italia sia obbligatorio:

-compilare prima della partenza il Passenger Locator form e mostrarlo a chiunque sia deputato ai controlli;

-presentare la Certificazione verde COVID-19 in una delle seguenti lingue: italiana, inglese, francese o spagnola; la Certificazione deve attestare una delle seguenti condizioni:

aver completato il ciclo vaccinale prescritto anti-SARS-CoV-2, oppure

esser guariti da COVID-19 (la validità del certificato di guarigione è pari a 180 giorni dalla data del primo tampone positivo), oppure

essersi sottoposti a tampone molecolare o antigenico effettuato nelle 48 ore prima dell’ingresso in Italia con esito negativo. I minori al di sotto dei 6 anni sono esentati dall’effettuare il tampone pre-partenza.

I viaggiatori non in possesso del Green Pass e che abbiano soggiornato per almeno 14 giorni in uno stato dell’Elenco C (tra cui israele), possono presentare copia cartacea o digitale del referto del tampone molecolare o antigenico effettuato nelle 48 ore prima dell’ingresso in Italia.

La mancata presentazione anche solo di uno di questi documenti comporta che il soggetto sia sottoposto a isolamento fiduciario per 5 giorni, al termine dei quali verrà effettuato un tampone antigenico o molecolare.

Continua a seguirci:

www.nashiraviaggi.com

Le ferie estive stanno ormai volgendo al termine per molti italiani. A malincuore ci si accinge a rifare i bagagli e ad organizzare il rientro dalle vacanze.

Ogni anno, circa sei milioni di italiani si ritrovano ad affrontare lo stress da rientro dalle vacanze; più che una patologia, lo stress da rientro è una risposta psicofisiologica al ritorno alla propria quotidianità, fatta di responsabilità, impegni e doveri, che si sostituisce a ritmi, luoghi ed attività gratificanti dei periodi di vacanza.

Secondo uno studio, la cosiddetta sindrome da stress da rientro dalle vacanze colpisce 2 persone su 3 e la fascia più colpita sembra essere quella degli adulti di età compresa tra i 25 e i 40 anni.

Non c’è nessun segreto o formula magica, ma qualche consiglio che potrebbe alleggerire lo stress da rientro dalle vacanze e ricominciare con la routine quotidiana.

  1. Pianifica il ritorno qualche giorno prima

Per evitare di sentirne i “sintomi”, il primo passo potrebbe essere quello di tornare dalla vacanza qualche giorno prima per gestire meglio organizzazione e riposo; insomma per prepararsi psicologicamente.

  1. Sport e attività fisica contro il trauma da rientro dalle vacanze

Dopo una vacanza solitamente si tende a concedersi qualche sfizio. Rimettersi in forma, tornare in palestra o praticare lo sport preferito contribuirà a far aumentare il livello di endorfine e, quindi, a farvi sentire più sereni e felici.

  1. Curare l’alimentazione

Mangia sano e mangia tutto. Fai il pieno di energie e vitamine, senza privarti di nulla con diete costrittive.

  1. Programma un weekend fuori

Per evitare di rimuginare sulla vacanza appena passata, non c’è niente di meglio di pianificare un mini-break fuori porta?!

  1. Combatti il rientro dalle vacanze con i tuoi amici

Organizza degli aperitivi con gustosi buffet, cocktail alcolici e analcolici e condividi i racconti della tua vacanza con le persone che ami.

Inoltre, invece di lasciarsi prendere dallo sconforto guardando le foto delle vacanze appena trascorse, dai uno sguardo al nostro sito o vieni in agenzia e pianifica il tuo prossimo viaggio!

www.nashiraviaggi.com

Tutti i documenti necessari al viaggio con i figli nella seconda estate di pandemia, in Italia o all’estero, dentro e fuori dall’Unione Europea.

Per viaggiare con i bambini, occorrono diversi documenti a cui questa estate 2021, se ne aggiunge un altro importantissimo: il Green Pass.

Il primo documento fondamentale per chi viaggia con i bambini, anche piccolissimi, è la Carta di identità, necessaria anche per gli spostamenti nazionali tra regioni per navi, trani o aerei. Ci sono poi il passaporto per chi sceglie mete extraeuropee e la tessera sanitaria, che ha un suo valore anche all’estero. Infine, la new entry: il Green Pass, indispensabile per le famiglie che scelgono di viaggiare in Europa.

L’entrata in vigore del Green Pass europeo ha stabilito un po’ le regole per chi viaggia tra i diversi paesi europei, ma la situazione epidemiologica è in continua evoluzione e quindi prima di mettersi in viaggio verso mete estere, europee e non è sempre bene controllare le norme e gli aggiornamenti in vigore pubblicati, Paese per Paese.

Il Green Pass non serve ad oggi per gli spostamenti nazionali (neppure per essere imbarcati su navi o aerei) purché all’interno di regioni bianche o gialle.

Il Green pass serve invece per spostarsi in Europa, eccetto che per i bambini al di sotto dei 2 anni.

La Commissione europea ha proposto che prevalga comunque per i minori (bambini e ragazzi con meno di 18 anni) il principio di unità familiare: ad esempio i figli minori dovrebbero essere esentati dalla quarantena se i genitori in viaggio con loro possono evitarla grazie al Green pass (ad esempio perché vaccinati).

Inoltre, anche i bambini sotto i 6 anni sono esentati anche dei test molecolari per viaggiare (proposta esplicitamente accolta ad esempio dall’Italia).

Ma la proposta della Commissione europea quindi è vincolante per tutti gli stati Ue. per questo prima di partire per l’estero è sempre bene controllare le norme in vigore per l’ingresso in ciascuno Stato, anche se membro dell’Europa Unita”.

Come ottenere la Certificazione verde per i bambini?

Per avere la Certificazione verde dei figli minori si può scaricarla dal sito del governo dedicato al Digital Green Certificate; oppure identificarsi con App Immuni o App IO, o ancora tessera sanitaria o identità digitale (Spid e Cie). In alternativa è possibile richiedere il Green Pass anche al proprio medico o al farmacista.

Carta d’Identità bambini

Quando si prenota un viaggio, all’interno della Comunità europea, o anche su territorio nazionale italiano, è necessario fornire all’operatore anche la Carta di identità del bambino, pure se appena nato.

Il documento è rilasciato dall’Ufficio anagrafe del Comune di residenza su richiesta anche di un solo genitore che dovrà però presentare allo sportello, assieme alle foto-tessera del bambino, anche il modulo di autorizzazione all’espatrio compilato e firmato da entrambi i genitori.

La carta d’identità è diventata per tutti elettronica, anche per i neonati e ad inviarla è il Ministero dell’interno, quindi bisogna mettere in conto un tempo tecnico di almeno 10 giorni- 2 settimane per averla tra le mani dal momento in cui viene richiesta all’Ufficio anagrafe.

Questo documento certifica l’identità del minore e permette l’espatrio nei Paesi dell’Unione Europea e in altri Paesi non comunitari che hanno stipulato un’apposita convenzione.

Passaporto bambini

Se la meta del viaggio è extraeuropea è necessario richiedere un passaporto personale per il bambino. La procedura richiede fino a tre settimane. Gli uffici competenti sono quelli della Questura della propria città.

Tessera sanitaria bambini

Anche se non indispensabile all’espatrio o per viaggiare, la Tessera sanitaria è comunque un documento fondamentale perché rappresenta lo strumento con cui ogni cittadino viene identificato nei rapporti con gli enti e le amministrazioni pubbliche.

In caso di viaggio, garantisce al bebè la possibilità di usufruire delle prestazioni del Servizio Sanitario Nazionale ed è valida anche all’estero, perché consente di usufruire dell’assistenza sanitaria in tutti i paesi dell’Unione Europea e in altre nazioni con cui sono in vigore apposite convenzioni.

Per qualsiasi informazioni, contattaci: www.nashiraviaggi.com

Giugno è il mese ideale per una vacanza da sano relax: potrai sfruttare le splendide giornate di quasi-estate, evitando la folla dell’alta stagione e risparmiarsi lunghe code in autostrada e all’ingresso di musei e luoghi d’arte.

La brutta stagione è ormai alle spalle e la voglia di partire è più ardente che mai. Dopo mesi di lavoro e di restrizioni si ha voglia di staccare la spina e concedersi una meritata vacanza.

Il mese di giugno rappresenta per molte persone il periodo ideale per una vacanza rilassante al caldo: ma quali sono i pro e i contro di una vacanza a inizio estate?

Pochi turisti, zero affollamento, poco traffico

Uno dei vantaggi di fare una vacanza a giugno consiste nel godere in tranquillità le località di mare o di montagna, approfittando di un clima perfetto: il sole è caldo ma le temperature torride della piena estate sono ancora lontane.

Oltre al sole caldo e il bel tempo, il vantaggio di fare una vacanza a giugno consiste nell’evitare il sovraffollamento tipico del periodo di luglio e agosto: in spiaggia non si deve litigare per trovare posto, in mare non si rischia di scontrarsi con altri natanti e di sera non si deve aspettare per trovare un tavolo all’ora di cena o per fare un aperitivo.

Inoltre, se si visitano città d’arte, le file per entrare nei musei non sono interminabili e ci si può spostare da una località all’altra o viaggiare in autostrada senza ritrovarsi imbottigliati in un traffico intollerabile. Le temperature sono ancora molto miti, cosa che permette di fare lunghe passeggiate nei centri storici e nelle città ricche di storie senza soffrire il caldo.

Di contro, per coloro che sono alla ricerca di una vacanza dove incontrare tanta gente, fare nuove amicizie e tirar tardi la sera in discoteca o in qualche locale alla moda forse il mese di giugno non è il più indicato perché i ritmi della movida estiva sono decisamente più allentanti.

Prezzi più convenienti

Un altro vantaggio è dettato dai prezzi più convenienti delle strutture ricettive, ma anche di stabilimenti balneari e di agriturismi, in quanto sono minori poiché non si è ancora in alta stagione.

Maggiori attività di intrattenimento

Giugno rappresenta l’inizio della maggior parte delle attività di intrattenimento: concerti musicali, tornei, spettacoli di strada e sagre paesane incominciano con serate inaugurali, attirando turisti, per poi proseguire nei mesi successivi.

Ma dove andare in vacanza a giugno?

La bellezza del mare italiano

Tra le migliori località dove andare in vacanza a giugno, spicca sicuramente Porto Cesareo, nel Salento, famosa per le sue acque cristalline. Il fondale particolarmente basso ti permetterà di fare divertenti passeggiate nell’acqua.

Sempre nel Salento, il mare di Torre San Giovanni, in provincia di Lecce. Il suo litorale è uno dei più incantevoli non solo della Puglia ma di tutta la penisola.

La natura selvaggia

Se non cerchi solo il mare ma qualcosa in più, Maratea fa al caso tuo. Le sue numerose spiagge sono incorniciate da una natura incontaminata che nasconde calette mozzafiato e scogliere affascinanti.

In Campania, invece, incontrerai le meravigliose spiagge di Palinuro. Anche qui non solo mare, ma baie, falesie e scogliere ti incanteranno con la loro primordiale bellezza.

Storia e cultura del territorio italiano

Il fascino del territorio italiano è racchiuso nel suo perfetto mix di natura e storia.

Tra le migliori destinazioni vi è indubbiamente Siracusa. In questa città potrai sia scoprire tutta l’antica storia dell’isola, rappresentata da monumenti, musei ed edifici antichissimi, che recuperare le energie sul meraviglioso litorale siciliano.

Spostandoti verso nord, oltre che passare per la meravigliosa città di Catania, arriverai a un’altra località dove la quiete marittima e la cultura storica regnano sovrane: Giardini Naxos. Poco distante da Taormina, le sue spiagge candide sorgono in un contesto storico e culturale unico che riuscirà a coniugare i bisogni di tutta la famiglia.

Non resta che scegliere la destinazione e l’alloggio, per una vacanza che sa di caraibico, senza bisogno di lasciare l’Italia.

Sei alla ricerca di relax e tranquillità? La vacanza a giugno è decisamente perfetta.

Contatta Nashira Viaggi!

La pandemia ha cambiato radicalmente le nostre vite e anche il modo di concepire il viaggio. Il 2021 sarà l’anno dei viaggi “last second”.

La nuova tendenza del 2021 è il viaggio ‘‘last second’’, dal momento che la voglia di partire e viaggiare non sono mai scomparsi, ma il quadro epidemiologico cambia troppo rapidamente.

A segnalarlo è un’indagine condotta da Hotels.com, secondo cui ben il 92% degli intervistati si dimostrerà “super impulsivo” nella prenotazione di un viaggio, non appena ne avrà la possibilità. Mentre il 24% dichiara di essere pronto a prenotare e partire nello stesso giorno, nell’arco di 24 ore, senza alcun preavviso.

Una tendenza quella del “last second” che è particolarmente in voga tra coloro che hanno già dimostrato di essere riusciti a reagire ai cambiamenti imposti dalla pandemia con elasticità e flessibilità.

Ma dove andare in un contesto così particolare?

Diversi paesi hanno aperto le frontiere anche ai viaggiatori che si muovono per turismo. Dall’Italia i paesi raggiungibili sono quelli inclusi nel famoso “elenco C” del Dpcm 2 marzo 2021.

Le mete facilmente raggiungibili sono le Canarie: a Tenerife, Fuerteventura e nelle altre isole il clima è già favorevole. Per una vacanza all’insegna di relax, lezioni di surf, trekking ed escursioni in barca.

Un’altra meta potrebbe essere la Lapponia Svedese: il viaggio parte da Stoccolma, il punto di partenza del treno notturno che raggiunge Kiruna. Un’esperienza che permette di attraversare tutto il paese e ammirarlo in tutta la sua estensione.

La portoghese Madeira, arcipelago di isole meravigliose dal clima mite e si raggiunge facilmente da Lisbona con un volo diretto. Bastano pochi giorni per scoprire e innamorarsi del Giardino dell’Atlantico, alla scoperta di panorami mozzafiato e spiagge invitanti.

Parti in sicurezza e lasciati seguire da un’Agenzia Viaggi!

Contattaci per scoprire tutte le novità e le promozioni attive!

www.nashiraviaggi.com